News & Insights

Gli utenti di musica in streaming amano i brand. È un dato di fatto.

Viviamo in un mondo veloce, mobile e on-demand. Le persone spendono il 21% in più di tempo su app mobili (e il 79% in più su app musicali) rispetto allo scorso anno. Guardare la TV dal vivo e andare al cinema stanno lasciando il posto alla visione on-demand. E il fatturato globale dagli abbonamenti a servizi musicali e dalle piattaforme di streaming è cresciuto del 51% nell’ultimo anno, indicando un notevole cambiamento nel modo in cui le persone ascoltano musica.

Di fronte a questi trend inarrestabili, il mercato si confronta con una nuova serie di opportunità e di sfide. È possibile raggiungere in modo efficace questo nuovo importante ma elusivo pubblico? Per fortuna sta emergendo un quadro più chiaro e promettente del consumatore in streaming:

gli utenti in streaming hanno il doppio delle probabilità di sostenere e di sentirsi emotivamente connessi ai marchi rispetto agli altri utenti.
Questa è la scoperta chiave del Brand Impact Study, che ha intervistato 4.500 persone in nove paesi chiedendo loro di condividere le proprie abitudini di ascolto così come pensieri e opinioni su circa 200 marchi in cinque settori. Gestito da comScore e commissionato da Spotify for Brands, si tratta del primo di una serie di studi di impatto volti a definire e quantificare l’esperienza dei consumatori in streaming.

Ecco alcuni punti chiave. Rispetto a chi non utilizza lo streaming, gli utenti che utilizzano almeno una volta al mese un servizio di musica in streaming hanno:

  • 2x volte la probabilità di essere disponibili a pagare di più per un brand
  • 61% delle probabilità in più di consigliare il brand a un amico
  • 74% delle probabilità in più di descrivere il brand come "l’unico brand per me"
  • 70% delle probabilità in più di descrivere il brand come divertente e spiritoso

Lo studio ha anche esaminato come questo pubblico ascolta la musica, fruisce dei contenuti, fa acquisti, utilizza i mezzi di trasporto e molto altro. È stato scoperto che gli utenti di musica in streaming hanno:

  • 74% delle probabilità in più di ascoltare musica tramite smartphone
  • 3x+ più del triplo delle probabilità di ascoltare musica mentre si fanno acquisti o si viaggia
  • 2x il doppio delle probabilità di ascoltare musica a lavoro, a scuola o mentre ci si allena
  • 5x il quinto delle probabilità di guardare la televisione o film online giornalmente

Infine, abbiamo anche esaminato il modo in cui gli utenti Spotify (persone che utilizzano Spotify almeno mensilmente) si confrontano con i non streamer. Ecco uno sguardo ai risultati:

  • 3 volte più propensi a pagare di più per un prodotto di un brand
  • Quasi il doppio delle probabilità che raccomandino un brand ad un amico
  • Il doppio delle probabilità di ascoltare musica su uno smartphone e oltre il doppio delle probabilità di ascoltarla su tablet
  • Circa 5 volte più probabile che ascoltino musica durante lo shopping
  • 3 volte più probabile che ascoltino mentre vanno al lavoro, a scuola o durante gli allenamenti
  • Oltre 6 volte la probabilità che guardino TV e film online ogni giorno

Let’s talk

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.